Marchisio a Sky: “Sento sempre di più la voglia di vincere la Champions”

Claudio Marchisio ha rilasciato un intervista ai microfoni mdi Sky sulla finale di Champions. Ecco le parole del principino biaconero riportate da TuttoJuve.com:

“In queste ore in realtà ci siamo goduti la vittoria. Le parole ci sono state dopo la partita di domenica contro la Roma, perché come si è visto e sempre detto durante l’anno, dopo delle brutte sconfitte ci sono state sempre grandi reazioni, ma prima c’era del tempo per reagire a delle sconfitte. Adesso non abbiamo più del tempo e abbiamo risposto subito bene con il primo trofeo la Coppa Italia che l’abbiamo portata a casa. E ora abbiamo altre due finali da giocare con il massimo della concentrazione, perché non si può più sbagliare. Come vivi questo periodo? È normale che lo devo vivere da giocatore, però dentro di me c’è sempre l’aspetto del tifoso. Quindi come nella finale di Berlino anche quest’anno vincere la Champions, ogni giorno che passa, sento sempre di più la voglia di arrivare a questo grande momento. Senza dimenticare che ogni singola vittoria è frutto di sacrifici e non c’è mai nulla di scontato. Spero che i nostri tifosi siano concentrati come noi sulla partita di domenica. Perché domenica abbiamo un’altra finale e noi vogliamo vincere il sesto scudetto consecutivo. E sarebbe un altro record, come le tre vittorie in Coppa Italia. Quindi quello deve essere il nostro obiettivo, per tutti. È normale, penso lo dica anche la nostra storia che la Champions la vogliamo fortemente. Però la nostra storia è sempre stata quella di pensare a obiettivo per obiettivo. Bisogna essere bravi e bisogna avere esperienza in questo e questa rosa ce l’ha. È normale che a Roma non era la stessa Juve di ieri sera. Però credo che sia anche abbastanza normale, perché dopo un periodo così intenso tra semifinale di Champions e partite di campionato, per fortuna è stata forse l’unica battuta d’arresto quella partita. È vero che potevamo chiudere il campionato, però diciamo che ci può stare. Però ora basta. Alves? Dani come praticamente quasi tutti i sudamericani hanno nell’indole questa allegria, questi sorrisi che ti trasporta. È arrivato sicuramente da una situazione totalmente diversa, da un campionato diverso, da un Barcellona abituato a vincere tantissimo, con un gioco completamente diverso. Quindi credo che lui come quasi tutti i giocatori stranieri che arrivano nel nostro campionato devono comunque adeguarsi un po’ alla parte tattica e al gioco che si presenta in base alle squadre avversarie. Detto ciò è un grandissimo campione parla il suo palmares. Ha vinto talmente tanti trofei che ha talmente tanta esperienza, carattere e personalità che è sicuramente un punto di forza di questa Juventus”.